Puntate precedenti

I Racconti dell’olio

Viaggio tra passato e futuro dell’olio extra vergine d’oliva con Pino Petruzzelli.

L’extra vergine che non ti aspetti in un viaggio dall’intenzione teatrale: un’intensa narrazione in compagnia di Pino Petruzzelli tra oliveti e frantoi, visioni mediterranee e cucine. 

Per un olio come Cristo comanda.

Partendo da un incontro con una sensuale Dieta Mediterranea e Pino Petruzzelli, il racconto viaggia lungo il filo che unisce cibo e cultura. Perché il cibo è cultura, fondata sulla varietà e peculiarità che caratterizzano i prodotti di ogni territorio e, soprattutto, le storie delle persone che lo abitano e lo rendono “comunità”.

Obiettivo taggiasca DOP

L’oliva Taggiasca non è semplicemente una varietà di olivo: le sue peculiarità e il suo prestigio si devono a elementi ineguagliabili tra cui ambiente, il lavoro e la cultura del ponente ligure. Un progetto di dialogo e sensibilizzazione. 

Un progetto per porre l’accento sulle sue peculiarità e sulle opportunità di tutela dell’origine che possono mantenere alto il suo prestigio come prodotto rappresentativo del Ponente Ligure. Un progetto plurale, che parla in prima persona con voci e prospettive diverse, unite da uno slancio comune: mantenere saldo il legame, forte e profondo, tra il territorio e l’Oliva Taggiasca.

Extra Vergine

Un patrimonio che allo stesso tempo viene celebrato e dato per scontato, vittima delle contraffazioni che subisce nel mondo, talvolta, della disinformazione .

Un extra vergine è come l’anima gemella: va cercato con passione, coinvolgimento dei sensi e con la guida saggia dell’intelletto. Imparare a raccontarlo con competenza, oggi, è necessario.

RazioneK

Razione k i Podcast con Arianna Porcelli Safonov

Razioni audio di conoscenza che, con il tocco dell’ironia, ci aiutano ad affrontare lo scaffale dell’olio con le munizioni giuste : una specie di “missione” provvidenziale con lo stile graffiante di Arianna Porcelli Safonov. Una narrazione audio fresca e coinvolgente per scegliere l’olio apprezzandone la bellezza e il “viaggio sensoriale” con per un intrattenimento “di nicchia” per fare incontrare chi racconta a e chi ascolta, con un livello di approfondimento e di coinvolgimento .

Razione K nasce così: per offrire spunti di riflessione sulla scelta del cibo a un pubblico di “non esperti” usando l’espediente della leggerezza e della risata per veicolare contenuti spesso non immediati ma che, una volta afferrati, ambiscono a divenire patrimonio culturale collettivo “di base” a sostegno non solo dei consumatori, ma anche delle imprese che lavorano con qualità sul nostro territorio.